Archivi tag: pinstagram

Pinterest + Instagram non fa Pinstagram…

Avverto subito gli Amanti del web: questo post di ironico ha solo lo username del bravissimo Gennaro Varriale (che trovate infatti su twitter come @ironico).

Gennaro, che conosco da anni e con cui abbiamo condiviso tanti progetti, è appunto un programmatore napoletano. Uno di quelli in gamba, che sa unire alla dimestichezza “tecnica” tanta passione, umiltà e creatività. Partendo dalla sua passione per la fotografia e per Instagram, un bel weekend di inizio marzo si mette a scrivere e realizza Pingram, un valido mash-up, il primo, tra Pinterest e Instagram.

La cosa non passa inosservata, in particolare all’estero, e fioccano immediatamente articoli, post e interviste. Come questa, per Mashable, in cui racconta il suo progetto e come è nato e molte altre, raccolte qui.
Questa ventata di notorietà porta Gennaro a migliorare con nuove funzioni e rilasci il suo progetto. Da persona realista e concreta quale è, non si illude certamente di potersi affidare in toto a questa nuova idea per campare: “vediamo cosa ne viene”, mi dice e va avanti con il suo lavoro di programmatore ritagliando tempo per la sua nuova creatura.

Poi un articolo su Wired.com porta alla ribalta l’appena nato Pinstagram.
Leggendo l’articolo le somiglianze sono davvero tante, anche nel “racconto” della sua nascita.
Peccato che la struttura sia davvero molto simile, troppo.
Peccato che uno dei due fondatori risulti tra i primi utenti di Pingram, come si vede benissimo in questa immagine.
Peccato perché pochi in Italia avevano notato Pingram mentre l’articolo di Wired USA è stato ovviamente ripreso dai più.
Peccato che davanti all’accusa di non originalità molti ritengano Pinstagram più efficace nel front end ma non si interroghino sul “costo” risparmiato nello sviluppo e “re-investito” sulla UI (che comunque Pingram deve e può migliorare per competere al meglio).
Peccato che nonostante molti si stiano prodigando a richiamare twit star italiane del mondo dei media e della tecnologia e importanti testate (tra cui Wired e Wired Italia) ancora pochi, pochissimi si sono spesi a riconoscere il primato di questa idea italiana (a tal proposito seguite la campagna twitter #supportpingram).

Quello che stasera mi fa dire “Amo il web, non ricambiato” non è la scopiazzatura. Ma l’amara riflessione che nel Bel Paese siamo ancora lontani dal saper valorizzare e sostenere con orgoglio iniziative che partono dal basso, con intelligenza, come Pingram. E magari dargli la possibilità di farsi conoscere (e i soldini) per migliorarsi e competere a livello globale.

Gennaro, da gran signore risponde: “Ok, you can copy pingram. No problem.. but you can’t say :”The idea really took hold of me” You are one of the first pingram user ;)”
Da lunedì riprendiamo a ridere.

Contrassegnato da tag , , , ,
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: