Copy-ncolla.

Il mio vicino di appartamento mi ferma sulle scale.

Vicino: Ehi, so che scrivi roba per Internet, che sei una copi-quella-roba-là.

Io: Una copywriter, sì…

Vicino: Ecco. C’ho una cosa che mi dovresti scrivere.

Io: Beh, se vuole ne possiamo discutere via email o mi può telefonare, ora sono un po’ di fretta…

Vicino: Ma va, è una roba di due secondi: mio nipote vuole promuovere la sua attività e gli serve qualcuno che gli scriva sul sito.

Io: Ah. Che lavoro fa suo nipote?

Vicino: Il copy -coso, come te.

Un copi-contributo di Criscristina, che Ama il web non ricambiata. E in quanto copywriter scrive copiosamente “sui siti” di copi-cosi per promuovere i copi-quella-roba-là. Senza copiare.

La sconfitta dei nerds.

Dopo un’assistenza telefonica la Cliente è particolarmente riconoscente.

Cliente: Grazie mille, meno male che lei è sempre gentile e mi aiuta tutte le volte…

Io: Non si preoccupi signora, è il mio lavoro.

Cliente: Eh, ma grazie lo stesso… grazie davvero! È che io non me ne capisco proprio. Sa, sono un po’ nerd!

Un riconoscente contributo di Alessandro Femia, che Ama il web non ricambiato. E sa come farsi apprezzare dai Clienti. Soprattutto quelli che non se ne capiscono, al punto da essere un po’ nerd. Solo un po’, perché qualcosina comprendono. Se non ne avesse capito nulla del tutto sarebbe stata una nerd completa.

 

La risposta è dentro di te.

Capo: Pronto? Senti, sono da un cliente! Ma ho un problema con la posta!

Io: Ciao Capo, come stai? Che tipo di probl…

Capo: Outlook! La mail aziendale non va! Non riesco a riceve e inviare!!!

Io: Allora, apri TeamViewer e dammi pure il tuo ID e Password così mi collego in remoto e risolviamo…

Capo: Eh, aspetta! Qua non funziona nulla! Aspetta, perché non riesco a collegarmi a internet e quindi…

Io: Capo, immagino tu abbia già la tua risposta.

Capo: Grazie, ciao.

Un risolutivo contributo di Cericola, che Ama il web non ricambiato. E sa che la risposta è dentro ognuno di noi. Basta cercarla. Di solito è sbagliata, ma stavolta è andata bene.

Serie di bottonacci.

Capo: … quindi abbiamo finito?

Io: Sì, questa è la versione definitiva del sito, se mi dai l’ok abbiamo finito e possiamo andare online…

Capo: No, aspetta, cos’è quella serie di bottoni in alto? Non mi piace!

Io: Quale? Questa? Questo è il menù, serve per navigare nel sito.

Capo: Lo so! Dico quella sopra! Fa schifo e non c’entra niente!

Io: Ah, ma quella è la mia barra dei preferiti!

Capo: Non mi interessa! Io non la voglio!

Un preferito contributo di Michele, che Ama il web non ricambiato. E pretende che il sito dell’azienda in cui lavora mostri a tutti i suoi preferiti… manco fosse il Capo!

Fidipù e fidipà.

Giovane figlio di papà che ha un negozio in una delle vie più prestigiose della città. Mi contatta perché vuole che gli curi i profili social. Gli invio la proposta.

Cliente: Ho visto il tuo preventivo per curare i profili social del mio negozio. Intanto la strategia iniziale possiamo anche toglierla dalla quotazione perché sai… io sono un po’ stratega.

Io: Ah.

Cliente: Poi stavo guardando… secondo me l’upload e il monitoring me li posso fare io. Tu sei abituata a gente che non ne capisce nulla, ma io, modestamente…

Io: Ah, ok.

Cliente: Ma volevo chiederti, ora che abbiamo tolto un po’ di cose inutili: se facessimo in nero? Così dimezziamo tutto!

Io: No, vorrei evitarmi probl…

Cliente: Anzi, senti qui: e se magari ci muovessimo con lo scambio merci?

Io: No, grazie ma non mi interessa.

Dato il mio rifiuto composto ma fermo, successivamente mi richiama più volte da numeri sconosciuti:
Cliente: Se non lo sai, i clienti sono il pane quotidiano e tu CARA MIA non sai proprio come trattarli!

Un strategico contributo di Diventerò Santa, che Ama il web non ricambiata. E sottovaluta l’abilità strategica del Cliente, che modestamente e spiegandole come trattare i Clienti, finirà per convincerla per uno scambio merce. Lui le offre un po’ di spocchia, che ne ha in abbondanza.

 

La lumaca nuda balla.

Cliente: Il sito che hai disegnato è molto elegante ma io volevo qualcosa di più semplice. Che ne so? Sfondo nero e scritte grosse in oro… la mia è una scuola di danza orientale!

Io: Oddio… farebbe molto “esordi di Internet”… Si è andati avanti e oggi…

Il marito della Cliente: No, no! Farebbe molto cassamortaro*! Glielo ho detto anche io!

Cliente: Va bene, allora senti: facciamo così… usiamo il tuo però come immagine di sfondo devi mettermi questa  iper-carina che ho trovato: in pratica sono delle lumache con il vestito da danza orientale che ballano con le rane sulle ninfee! Stupenda!

Un dorato contributo di Andrea, che Ama il web non ricambiato. E anche se pensa (come ci riferisce) che la Cliente “si droghi male” non sappiamo se alla fine ha desistito o messo online questa foto iper-carina.


*a Roma per “cassamortaro” si intendono le pompe funebri.

Fantasia al potere.

Anno 2000, in piena bolla dotcom.

Capo: Ragazzi la situazione è grave, se non salgono le visite non ci pagano! Io però ho avuto un’idea geniale!

Io: Sentiamo…

Capo: Non è possibile inviare via email a un sacco di indirizzi a caso un link che gli installa un programma o una applet (Java ndr) che poi continua a cliccare a random sul sito del cliente?

Io: Assolutamente no! Intanto sarebbe illegale e poi se ci fosse un modo per farlo ci avrebbero già contattato SISMI, CIA, Interpol e Mafia Russa!

Capo: Eh, ma come siete senza fantasia!

Come è andata a finire: alla fine un Collega senza scrupoli ha optato per inserire clic “sintetici” nel file di log di Apache; da controlli successivi la metà sono risultati  fasulli, con conseguente licenziamento di un sacco di persone.

Un geniale contributo di Dimitri, che Ama il web, non ricambiato fin dal 2000. Ma ancora non ha la fantasia necessaria per trovare soluzioni che gli facciano perdere il posto di lavoro.

Guarda che ti pago.

Cliente: Pensi di potermeli scrivere dei testi per il mio sito? Guarda che ti pago!

Io: Certo, volentieri. Io chiedo trentacinque euro per mille parole…

Cliente: Trentacinque euro?!? Oh, ma sono 70.000 lire!!! Settanta lire a parola! Settanta… non puoi fare cinquanta lire?

Io: Certo, ma solo se mi paga in gettoni telefonici o se posso scrivere i testi in latino…

Un costoso contributo di Andre, che Ama il web non ricambiato. E  sa che quando un Cliente esordisce spontaneamente con “guarda che ti pago” vuol dire che ha trovato un vecchio salvadanaio pieno di lire e non sa cosa farsene.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: