WYSIWYG.

Agenzia: Il sito del cliente deve diventare responsive, anche su Explorer 6!

Io: Mah… non riusciamo ad avere gli analytics con uno spaccato dei browser nelle relative versioni? Così capiamo bene quelli effettivamente utilizzati dagli utenti per accedere al sito…

Agenzia: Non possiamo basarci sul traffico reale…

Io: Cioè?

Agenzia: Consideriamo il browser più diffuso tra i dirigenti del cliente: se loro vedono il sito male, il sito va male.

Io: Uh?

Un valido contributo di Digital Chef che Ama il web, non ricambiato. E vorrebbe sviluppare siti non compatibili con IE 6, usatissimo dal Cliente. Come se i siti venissero realizzati per essere navigati dagli utenti reali!

WYSIWYG: What You See Is What You Get

24 thoughts on “WYSIWYG.

  1. Inlya Toc ha detto:

    Signor-gestore-del-sito, credo che gli appassionati di questo sito le conoscano queste abbreviazioni, WTF!! #TGIF
    Meno male che non fa post TLDR!! 😀

    • amoilweb ha detto:

      Signor Inlya, lo so benissimo. Ma siccome ho scoperto che molti clienti fanno autoformazione tra le pagine del blog ho pensato di offrire loro un piccolo aiuto.

      • Inlya Toc ha detto:

        Signor-gestore-del-sito, sono M non F!!!! :-O
        Non tutti nomi che finiscono per “a” sono da F: Andrea, Mattia, Luca…

      • amoilweb ha detto:

        Signor Toc, non ne combino una giusta con lei. E con la Signorina Inlya. Pardon, Signora.

  2. giuseppe longo ha detto:

    Devo spezzare una lancia a favore del cliente (da utente linux che odia IE mi pare folle ma è così).

    Sicuramente si deve far capire che IE6 è obsoleto ma immaginiamoci un ambito blindato in cui i dirigenti NON POSSONO aggiornarsi il pc, la loro esperienza conta eccome!

    Chi paga lo vede brutto? allora è brutto…..

    • lukasbrunner ha detto:

      O “non vogliono”, che è peggio ancora. Approvo ogni parola.

    • PlatinumV ha detto:

      Se può consolare qualcuno, lo standard aziendale della mia azienda prevede IE anteguerra, Java di 12 versioni fa e il Flash datato di qualche anno. Richiedere gli aggiornamenti è impossibile, perché ci rispondono “usiamo la versione vecchia, perché siamo sicuri sia stabile” (giuro!!!).
      Ed ecco che ci organizziamo con dei browser portable…
      V

    • Vale ha detto:

      Si però una cosa è chiedere un sito fruibile su IE 6, un altro è chiederlo responsive su IE 6 che neanche sa cosa siano le media queries, non so se supporti html5shiv e respond.js (che fanno miracoli su IE8) ma se non supporta queste due librerie javascript credo sia quasi impossibile fare un sito responsive per IE 6 (che poi vuole anche dire che oltre a IE6 stai usando uno schermo anteguerra per richiedere che un sito sia responsive 😄 )

  3. punkers79 ha detto:

    Purtroppo è proprio così. Quante volte ci è toccato randellare una web app (utilizzabile pubblicamente, non una cosa interna a una azienda, eh) perché il dirigente di turno la vedeva male su un IE anteguerra…

  4. BabyTux ha detto:

    Non so se ridere o piangere :/

  5. Teo ha detto:

    Purtroppo m’è capitato spesso di fare il sito su specifiche dei rottami usati dai clienti invece che sull’effettiva base installata… groan… 😦

  6. Marco Mocca ha detto:

    Secondo me questa è sensata, la maggior parte dei siti aziendali nascono seguendo idee così bislacche dei dirigenti che tanto quel cumulo di monnezza se lo vorranno navigare solo loro. Tanto vale fare felici almeno loro.

  7. What They See Is What They Care. 🙂

  8. clockys ha detto:

    L’ha ribloggato su L'informatica, questa sconosciutae ha commentato:
    noooooooooo … non succede solo a me …

  9. fucrem ha detto:

    Sad but true, la differenza tra cliente e dirigente è che dirigente ha una tecnologia di almeno 10 anni più vecchia che non ha nessuna voglia di aggiornare, basare tutto il lavoro su questo.

  10. Nicola ha detto:

    Rigà è il nocciolo della questione, un cane che si morde la coda: spesso non si aggiorna nulla perché non si hanno le competenze per farlo, o per capire quale scelte aziendali in ambito software fare.

  11. Michele H. ha detto:

    Meno male che non l’ha chiesto responsive anche per l’Enterprise o il Millennium Falcon…

  12. mrkp868 ha detto:

    Responsive per IE 6 è comunque come dire che deve essere responsive per il 3310. Vedersi “bene” è tutt’altra faccenda.

  13. Fux ha detto:

    Già che c’eravate potevate farlo responsive anche per Netscape

  14. Mi chiedevo se il WYSIWYG fosse valido anche per le fatture…

  15. Sorridendo per la vena ironica e divertente del post, come sempre su questo blog d’altronde (complimenti!), purtroppo il problema messo in luce nello scambio di idee tra sviluppatore e cliente è frequentissimo. Gli utilizzatori di IE6-IE7 rappresentano ormai circa lo 0,3% dei navigatori, ma questa nicchia è costituita per la maggior parte da impiegati del settore pubblico e di vecchie aziende italiane con le quali può capitare di avere a che fare.

  16. geckoobac ha detto:

    Purtroppo è molto vero… Anche perchè alla fine sono i dirigenti quelli che decidono se pagare o meno… D’altro canto (anche senza gli estremi di IE6), è anche vero che in alcuni ambiti (grosse aziende, settore pubblico, bancario etc) non c’e’ libertà di aggiornare il software, anzi: in alcuni casi c’e’ proprio la NECESSITA’ di mantere un preciso profilo di software e quindi ogni nuovo sistema deve essere forzatamente reso compatibile con quello che è esistente.

  17. CheTincazziAFare ha detto:

    Io leggo questo Blog e mi sento meno solo. Grazie.

Commenta l'Amoilweb:

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: