Un decennio di gatti.

Nel giorno del decimo anniversario della nascita di Facebook sulla nostra pagina ci è parso opportuno riportare i 10 principali cambiamenti e le rivoluzionarie innovazioni realizzate dal bel social del Marco Zuccherbergo. Le riportiamo anche qui, ad uso e consumo di quanti non utilizzano più Facebook, non lo hanno mai utilizzato e quanti dopo aver letto questo decalogo decideranno di iniziare ad usarlo.

1. La parola “conoscente” è stata definitivamente abolita per la più efficace e meno impegnativa “amico di Facebook”.

2. I gatti, animali che tappezzavano indisturbati i cortili delle nostre città per la sola gioia delle vecchine che li alimentavano, si preparano ora a conquistare definitivamente il mondo dopo averci rincoglioniti tutti.

3. Se prima bastava cambiare lato della strada o al massimo città, oggi per evitare di dover rivedere la faccia di Antongiulio Mascetti (che scroccava la merenda, non andava mai volontario di mate e se passava i compiti erano sempre tutti sbagliati) dovreste cambiare pianeta.

4. I piedi hanno avuto la loro definitiva rivincita. In particolare se calzano pessime infradito di plastica.

5. Le aziende investono parte del loro tempo e una consistente fetta dei loro investimenti per convincerci a pigiare un pulsante con una manina con pollice alzato (distruggendo peraltro il significativo valore del concetto di autostop) in cambio del fatto che ci tedieranno con foto inutili e contenuti discutibili che nulla hanno a che spartire con i loro prodotti.

6. É stato creato un altro social esclusivamente per parlare male di questo. Solo che occorre farlo in maniera sintetica e concisa in 140 caratteri.

7. L’italiano ha subito un altro duro colpo grazie a termini quali “likare”, “sharare” e “feisbukk”. Ma tutti rompono le palle se sbagli un accento.

8. Sono aumentati i lavori da svolgere come stagisti mal retributi seppur con splendide diciture internazionali quali “social community manager”, “social assistant” e “professional dickarounder”.

9. Siamo tutti molto aggiornati sui cazzinostri di chicchessia e sugli sticazzi di laqualunque. In particolare sui gatti e i piedi di Antongiulio Mascetti.

10. Questa pagina non ci sarebbe.

Grazie Facebook, grazie Zuck.

11 thoughts on “Un decennio di gatti.

  1. Num3ri ha detto:

    Antani ringrazia ! 😀

  2. Samuel Buccheri ha detto:

    PROFESSIONAL DICKARAOUNDER! AHAHAHAHAHAHAHAHAHAH XD Che tradotto sarebbe Cazzeggiatore Professionista! XD Sei un genio!

  3. Raffaeleuds ha detto:

    Il punto 7 e 8, pollice in su, ma senza autostop.

  4. Slier ha detto:

    Posso mettere mi piace o ti offendi? >_<

  5. Amico degli alieni ha detto:

    I gatti avrebbero comunque conquistato il mondo era solo questione di tempo, per i topi è una dura sconfitta…

  6. skorpion ha detto:

    Il collega – il merito e’ suo – ha trovato anni or sono ben 2 UTILITA’ per FB:

    – nei form di registrazione di tutti i i siti i campi “nome” e “cognome” TORNANO ad avere senso! Prima ci mettevano solo baubau e micho kaku, ora una percentuale sensibile usa il proprio vero nominativo
    – fb raccogliere tutti i BM del pianeta e li tiene occupati (a fare cosa non l’ho mai capito ma tant’è…) ma piu’ stanno li’ meno vanno in giro a dar fastidio

    Trovarne una terza credo sia difficile più o meno come l’ultimo teorema di fermat.

    • Rea ha detto:

      ce ne sarebbe una: molti rapinatori e ladri d’appartamento pare si siano vantati su fb delle loro prodezze permettendo alla polizia di individuarli in pochi click

      • wendy ha detto:

        vabbè dài, c’è da capirli… quelli che si sono fatti beccare sono i meno esperti!! D’altra parte si sa che fb, in questo periodo di crisi, è stato un’ottima agenzia di collocamento per molti nuovi topi d’appartamento, che possono muoversi tranquilli grazie alla marea di volponi che ormai non vanno nemmeno al cesso, a fare la spesa o, meglio ancora, in vacanza, senza prima sbandierarlo ai quattro venti in bacheca!! 😉

  7. onesectranslation ha detto:

    Reblogged this on OneSec Translation and commented:
    Temo di non aver altra scelta. Debbo condividere questo decalogo riassuntivo delle main features del social di Mark Montezucchero. Soprattutto dopo aver scoperto una tra le posizioni lavorative più strategiche del decennio facebookiano: il Professional Dickarounder.
    Vorrei tanto averlo inventato io.

  8. steffymars ha detto:

    Nella mia (personale) classifica delle persone con cui ho rapporti diretti la categoria ‘conoscente’ permane. Si colloca tra ‘conoscente occasionale’ e ‘aggiunto su Facebook’. D’altra parte i Gradi di Affinità (da amico fraterno a nemico giurato) non sono una scienza esatta. Per ora. 😉

Commenta l'Amoilweb:

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: