Io resto qui.

Ero dell’idea di scrivere un lungo post sul perché, nonostante tutto e tutti, abbia deciso di restare in Italia e avviare con 3 spiantati come me una piccola agenzia digital, restare in Italia e prendere gente giovane e in gamba a lavorare con noi, restare in Italia e pagare le tasse, restare in Italia e affrontare la crisi, restare in Italia e metter su famiglia, restare in Italia e domandarsi se ne valga la pena, restare in Italia e…

Poi ho deciso che per questo 25 aprile bastava solo una frase a spiegare tutto:

Amo l’Italia, non ricambiato.
Forse non ho il coraggio di andare o forse ho quello per restare.

Buon 25 aprile.

24 thoughts on “Io resto qui.

  1. Claudio Forte ha detto:

    Condivido, ci vuole più forza per restare in un paese che non da molto e di meno per andarsene via.

  2. Emy, quella vegana ha detto:

    molto bella 🙂

  3. Luigi Senzamici ha detto:

    Grazie Molto Bella!

  4. Roberto Maurizzi ha detto:

    Auguri da Abu Dhabi. Ne avete bisogno.

  5. ermanno ha detto:

    mi piace tutto, mi piace guardarmi indietro, mi piace ciò che ha fatto mio padre, mio nonno, per ciò che ho visto a quei tempi. mi piace sapere che c’è ancora gente che ci tiene ad essere italiano.

  6. Sara ha detto:

    Coraggio, in ogni caso è ciò di cui abbiamo bisogno adesso per ritrovare la libertà.
    Buon 25 Aprile!

  7. giusi ha detto:

    vero, per restare ci vuole forza, si chiama forza di inerzia

    • L ha detto:

      Esatto. Questa storia che ci vuole più coraggio per restare in Italia che per andare all’estero mi sembra una paraculata come poche.

      • J ha detto:

        Assolutamente d’accordo con giusi e L

      • amoilweb ha detto:

        A scanso di equivoci vi invito a rileggere ciò che ho scritto, non a caso. Seriamente, credo di non aver avuto in alcune occasioni il coraggio di andare: l’incertezza della lingua, andare a cercare una azienda estera, cambiare cultura e lasciare gli amici.
        Di contro, dopo 10 anni di fatiche, non mi lasciano indifferente vedere la pressione fiscale assurda, l’assenza di normative e azioni politiche giuste (che non si pretende che aiutino ma perlomeno che non ostacolino), la mancanza di fiducia a tutti i livelli verso la piccola impresa nascente (banche in primis), l’assurdo accanimento verso gli imprenditori (tutti sfruttatori, evasori, banditi) e sfottò verso i più giovani (tutti mammoni, choosy, senza voglia).
        Ora, che molte cose sembrano dire che forse sia meglio andare, mi rendo conto che per la mia storia personale aver coraggio ora significhi non buttare via tutto e continuare a costruire qui.
        Il mio non è un giudizio assoluto: solo la mia vicenda. Ognuno valuti la propria senza preconcetti.

    • Echo ha detto:

      la vera forza di inerzia è rimanere in Italia lamentandosi. Lavorare dignitosamente per tenere in qualche modo in piedi il Paese e sè stessi, è forza. È coraggio. E sì, ci vuole molto più coraggio a rimanere che andarsene.

  8. Rea M. ha detto:

    Io all’estero ci sono stata e non sono di quelli che sognano di scappare e non tornare mai più. È coraggio.

  9. giuseppe ha detto:

    restare è una scelta, non è questione di coraggio, io ho un obbiettivo creare qualcosa!
    Lo posso fare nel mio paese bene altrimenti vado dove lo posso fare.

    Io ho un obbiettivo creare qualcosa “nel mio paese” ci vuole coraggio a restare. Andre si fà sempre a tempo.

    Semmai un popolo come il nostro, troppo attaccato alla casa madre (inteso proprio come la propria famiglia), farà sempre fatica a concepire che andare via è solo un opportunità e non una fuga, la si vuole solo vedere così per comodità.

    In italia ci sono le difficoltà, economiche, burocratiche, mentali e lo sappiamo chi sceglie di restare non lo considero mica un eroe o chissà cosa ma solo una persona che ha deciso di rimanere e costruire qualcosa. Non vale di più di chi “emigra”, per quello che mi riguarda, non stiamo parlando di delocalizzare l’attività perché di meno, ma di farne nascere una nuova.

    La frase per carità è significativa perché sostanzialmente è quello che raccolgo quando parlo con un determinato tipo di persone, ma dover enfatizzare parlando di “più coraggio” e “meno coraggio” sinceramente … mah…

    Semmai il “io resto qui” è dettato dalla rabbia, a volte, che ti spinge a dire “perché devo andare via se non ne sento la necessità solo perché non posso fare una cosa?” gira più intorno a questo il pensiero sulla scelta di restare. Secondo me.

  10. Sinceramente non ti capisco. Io all’estero sto benissimo 🙂 Puoi metter su famiglia dove ti pare, nel 2013 parlare di “nazione” e’ decidere di essere ottusi (opinione mia).

  11. Stefano ha detto:

    Non sono d’accordo. Appena potrò io fuggirò da questo paese a gambe levate. Un paese a cui ho dato sempre tutto senza se e senza ma e che non aiuta. Anzi.

  12. Corrado ha detto:

    Io sono dell’idea che ognuno ha le giuste motivazioni, sia per andare via, sia per restare… è comunque triste leggere tutto questo, l’Italia dovrebbe essere un posto ambito da tutti… ed in parte lo è!

    Buon 25 aprile 🙂

  13. Fabio Buso ha detto:

    Standing Ovation

  14. oggi dire Amo l’italia non ricambaito e quasi più bella di Amo il web non ricambiato. 🙂

    • Marco ha detto:

      Concordo pienamente. Voglio dire a tutti: il nostro Paese è il più invidiato nel mondo e sta a noi far sì che lo sia sempre! Diamoci da fare nonostante le difficoltà burocratiche, fiscali etc e facciamo emergere la voglia di fare dei giovani italiani. Facciamoci conoscere nel mondo!

  15. Bisogna combattere i pitechi, non andarsene via e lasciare che loro guadagnino terreno.

  16. nioanto ha detto:

    è una cosa che ho pensato anche io, è troppo facile andarsene dove si sta bene, poi vedì che devi pagare tasse su tasse, che se prenoti una visita all’ospedale ci vuole un anno, che magari tua nonna non c’è la fa ad arrivare a fine mese (così come te, tuo padre, i tuoi amici) e poi ti dici tra te e te. Ma chi corpo cavernoso me lo ha fatto fare di rimanere in questo csseo

  17. Claudia Piesco ha detto:

    Bellissimo post, complimenti.
    Hai tutto il mio supporto.

  18. Bettaergosum ha detto:

    non è coraggio ne forza
    analizziamo un attimo…. in italia abbiamo tassazione discriminazione e quanto altro, x avviare qui qualcosa ci si deve svenare e lavorare come muli. fare fatica.

    all’estero ci arrivi senza conoscere nessuno, senza saper nulla delle normative (informarsi da qui sembra sempre tutto rose e fiori)…. inoltre prima di poter avviare all’estero ci sono da valutare il mercato e stringere legami con potenziali operatori utili sul territorio che ci possano supportare. c’è da fare fatica anche li…..

    ovvio che la fatica che abbiamo da fare qui in italia ci pare vicina, maligna e enorme e quella all’estero sembra in comparazione una bazzecola….. ma non lo è ve lo posso assicurare.

    la scelta di restare o partire dipende da quanta voglia abbiamo di fare fatica e x cosa, il coraggio che ci vuole a scegliere una fatica piuttosto che l’altra è identico. affrontare una fatica conosciuta o una sconosciuta, ci vuole la stessa spinta, sempre fatica è. chi va all’estero e riesce potrebbe riuscire anche in italia. solo sceglie di riuscire altrove. non è una fuga, è una libera scelta sul dove.

    che poi dalla società questa cosa sia vista come una fuga è un altro paio di maniche. io penso che un adulto abbia tutto il suo sacrosanto diritto di decidere a chi versare le tasse. nondimeno ci vuole coerenza, se l’italia non ti piace x le tasse allora vattene non tornare più e prendi una cittadinanza diversa….. sconfessa anche la culla rinascimentale di firenze, il duomo d milano e le meraviglie di roma. l’italia o la ami e ne accetti pregi e difetti e ti impegni rimanendo a sostenerla o ami altro. non puoi pagare le tasse all’estero e poi usufruire in patria dell’esenzione totale per i farmaci……
    o tutto o nulla x favore.

    amo l’italia non ricambiata anche io

Commenta l'Amoilweb:

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: